Capezzoli introflessi, cause e soluzioni

Piatti, infossati, introflessi

I capezzoli sono dei rilievi cutanei presenti sul seno di uomini e donne. Non c’è nessuna spiegazione scientifica al fatto che anche gli uomini abbiano i capezzoli; nella donna, invece, sono fondamentali per l’allattamento oltre ad essere una zona erogena molto sensibile. A volte tuttavia uno dei capezzoli, o entrambi, non protrude come è normale e si parla di capezzolo piatto, infossato o introflesso. Per capire se si soffre di questa anomalia, che affligge almeno il 2% delle donne, è possibile fare una prova, premendo l’areola vicino al capezzolo:

  • se questo non sporge viene definito piatto;
  • se sporge solo parzialmente e non si ritrae immediatamente, allora si dice infossato;
  • se premendo l’areola, il capezzolo si ritrae immediatamente o addirittura si cela all'interno, allora si dice introflesso.

Anche il ghiaccio può aiutarci a capire, basta metterne alcuni cubetti avvolti in un fazzoletto sopra all'areola: se il capezzolo reagisce al freddo, allora non è introflesso; se non sporge, invece, esiste un problema.

Un'anomalia che si può correggere

I capezzoli introflessi sono un problema estetico per molte donne, ma la preoccupazione primaria nasce quando si diventa mamme per timore che il problema possa impedire l’allattamento. Innanzitutto va detto che si allatta al seno e non al capezzolo, per cui una giusta posizione durante la poppata spesso risolve il problema, ma oggi esistono anche modellatori plastici, manovre di stimolazione del capezzolo e tiralatte che possono aiutare le neo-mamme. D’altra parte in caso di introflessione grave l'allattamento è doloroso, o impossibile, e la donna può subire un grave disagio psicologico.

In genere la causa è congenita: se il problema sussiste fin dall'adolescenza, si tratta di una malformazione causata dai dotti galattofori troppo brevi con presenza di tessuto fibroso; se il problema invece è recente, è meglio recarsi dal medico per una diagnosi precisa. La soluzione correttiva è chirurgica e si effettua in day hospital: affidatevi a uno specialista che allungherà i dotti lattiferi e al termine dell'intervento inserirà un piercing sul seno, da indossare per un paio di settimane, per evitare la rientranza del capezzolo.

© 2017 Seno.Clinic

HELIX_NO_MODULE_OFFCANVAS