Seno asimmetrico: cause e soluzioni

Seno asimmetrico: la diagnosi

Molte parti del nostro corpo sono “doppie”: due occhi, due orecchie, due seni. Nessuna parte è mai uguale all'altra, può differire anche in modo molto visibile. A volte questa diversità è affascinante, come l’eterocromia quando un occhio è blu e uno marrone, altre diventa sgradevole a livello estetico. Le mammelle, ad esempio: se sono sensibilmente dissimili possono generare disagio psicologico e imbarazzo nella donna, metterla in una condizione d’inadeguatezza. Un reggiseno imbottito in alcuni casi è sufficiente a risolvere l’irregolarità, ma si tratta di una soluzione parziale e non sempre praticabile. L’asimmetria infatti può riguardare il volume, ma anche la posizione e la forma dei seni, delle aureole o dei capezzoli. L’unica vera soluzione è l’intervento chirurgico. In questo caso il chirurgo plastico estetico può aiutarvi a analizzare il problema e consigliarvi la tecnica migliore per risolverlo definitivamente.

Cause dell’asimmetria

La diagnosi di asimmetria può essere fatta dal chirurgo plastico estetico solo una volta che sia completato lo sviluppo del seno. Una visita preliminare e un’accurata anamnesi potranno aiutarvi anche a definire la causa del difetto. Potrebbe trattarsi di un’anomalia fetale o di una risposta diversa agli estrogeni di una delle mammelle o piuttosto potrebbe trattarsi di un evento traumatico, magari in età giovanile, o delle conseguenze della radioterapia. Anche l’allattamento al seno, l’invecchiamento o l’aumento di peso possono alterare in maniera evidente la dimensione di uno dei seni, creando un’asimmetria poco attraente. In qualsiasi caso non dovete rassegnarvi, perché potete consultare uno specialista che abbia l’esperienza necessaria per padroneggiare la tecniche più moderne d’intervento e guidarvi nella scelta per restituirvi un seno armonico e proporzionato.

Il chirurgo plastico estetico all'opera

Le possibilità di intervento chirurgico a disposizione del medico specialista sono molteplici e anche molto diverse fra loro. Una mastoplastica riduttiva monolaterale è consigliata nel caso in cui ci sia un seno di dimensioni maggiori rispetto all'altro: si può intervenire per ridurlo e armonizzarlo con l’altro. È possibile agire anche sul seno più piccolo aumentandone la dimensione, sebbene questa tecnica sia più complessa. Nel caso in cui sia necessario un aumento di medie-grandi dimensioni sarà necessario il posizionamento di una protesi o anche un rimodellamento tramite la mastopessi. Al contrario per un piccolo aumento è possibile ricorrere a un lipofilling. Chiaramente la scelta del medico sarà fatta anche sulla base delle aspettative della paziente e del risultato che intende ottenere

Un seno asimmetrico è una condizione disagevole, ma assolutamente superabile grazie a un intervento chirurgico. Rivolgetevi a un chirurgo plastico estetico esperto e preparato, che operi in una struttura tecnologicamente avanzata, per garantirvi una soluzione sicura e efficace.

© 2017 Seno.Clinic

HELIX_NO_MODULE_OFFCANVAS